martedì 10 aprile 2012

#salvaiciclisti Siamo stati ascoltati

Martedì 10 aprile, ore 08.00 - Buongiorno Milano..

Pedalo sulla circonvalla, in sella alla mia nuova "fissa", la Tommasini.
Mentre cerco di mantenere la frequenza della pedalata in discesa dal cavalcavia che ogni volta mi rompe il fiato mattutino, mi perdo a guardare il solito cartello luminoso: con mia grande meraviglia, ha saputo sorprendermi per iniziare bene questa lunga giornata lavorativa.


Ed ecco la seconda frase che pochi istanti dopo ha attirato la mia attenzione...


Grandi, siamo stati ascoltati. Spero sia un inizio.. E non solamente un piccolo cenno.

Grazie Pisapia!

15 commenti:

  1. Grande Lauett, che colpo d'occhio!

    Bel topic e belle foto.. speriamo che l'iniziativa vada oltre, con qualche intervento concreto. Comunque è già qualcosa.

    RispondiElimina
  2. mah...su quei cartelli in autostrada appare ogni tanto anche di lasciare libera la corsia di sorpasso ma continuo ad incontrare vecchi rincojoniti (ma anche giovani rincojoniti) ca stanno in terza corsia a 60 kmh...

    sinceramente io non lo vedo neanche come un inizio, stiamo ancora alle parole (anche se scritte su un tabellone), io aspetto ancora i fatti...

    RispondiElimina
  3. li avevo visti anche in piazza duca d'aosta. è una presa di posizione, ma come stefano aspetto i fatti.

    RispondiElimina
  4. Non voglio fare polemica, come al mio solito.
    Certo, mi fa molto piacere vedere questi avvisi per cui abbiamo lottato.
    Ma fino a che, come dicono Stefano e Rotalibra, non si vedono i risultati non potrò cantare di gioia.
    Purtroppo le città sono infestate di teste di cazzo che pensano di essere dio sceso in terra e solo perché sotto al loro culo marcio hanno qualche cavallo pensano di poter avere sempre ragione, di giudicare ma sopratutto di decidere se una persona può continuare a vivere o meno. A volte non ci pensano nemmeno! E questa cosa penso che fa rabbrividire tutti noi.
    Fino a che persone come Pisapia e tanti altri politici al vertice non capiscono che il marcio sta più a fondo nelle persone e andrebbe impartita una bella "lavanda gastrica" al cervello di queste… Si otterrà sempre ben poco!

    Una domanda: tutte quelle piste ciclabili che erano state promesse alla comunità europea per cui ci ha dato tanti miliardi? Dove sono? Pisapia, siamo nel 2012… Siamo nella comunità europea… Prima di dire ai coglioni che guidano che devono stare attenti ai ciclisti sulle ciclabili magari le ciclabili le devi costruire!

    Quella che c'è nella foto dura ben 350 mt! Ma che bella pista ciclabile caro Pisapia!

    Mi fermo perché mi sto incattivendo…

    Brava Lauretta per le foto! ;-)

    RispondiElimina
  5. almeno qualcosa si muove...feliciosamente felice!

    RispondiElimina
  6. Concordo, è un buon segnale, ma diciamo la verità: all'amministrazione comunale costa proprio poco inserire uno o due messaggi nella segnaletica stradale. In realtà ci si scontra quotidianamente con guidatori arroganti o semplicemente inconsapevoli dell'esistenza dei ciclisti, con piste ciclabili di poche decine di metri che improvvisamente ti ributtano sulla carreggiata, oppure bellamente occupate da auto in parcheggio.
    Questo per dire, ottimo il segnale, ma costa proprio poco...

    RispondiElimina
  7. sace.artwork: pisapia è in carica da nemmeno un anno. qui trecento cinquanta metri di pista ciclabile sono un prodotto delle quattro giunte precedenti (formentini, albertini e moratti) per le quali "il traffico è indice di vitalità economica" (albertini) ed è a loro che dovremmo chieder conto dei soldi della comunità europea (soprattutto moratti). se non altro pisapia ha dimostrato una qualche attenzione anche dopo la campagna elettorale. poi è ovvio che nessuno si accontenterà di un messaggio su un tabellone elettronico che come dice marco è ottimo, ma costa poco e serve a poco

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @rotalibra

      Io non sto a fare discussioni su di chi è la colpa.
      Quando io sbaglio nel mio lavoro, su un progetto che sto seguendo, la colpa ricade su di me. Anche se il lavoro sbagliato l'ha iniziato qualcun'altro.
      A me non frega un cazzo se un sindaco è di sinistra o destra. Per me sono tutti corrotti. E fanno tutti parte della stessa famiglia! Fosse l'ultimo mio giorno di vita li ucciderei tutti. Cit.
      Ora, visto che mi sembra di capire che ti schieri a favore di Pisapia… Mi spieghi l'Area C? Hai detto tu che basta far entrare soldi nelle tasche del comune… Me lo spieghi? Dovevano diminuire traffico e inquinamento… L'hanno solo aumentato. Girare fuori dall'Area C nelle ore di punta è impossibile per qualsiasi essere umano. Ma mi sembra che nessuna faccia una piega, visto che non funziona…
      Ah… Mi spieghi anche perché aumentano come funghi da un anno a questa parte le biciclette del bike sharing se non ci sono piste ciclabili e poi ci frantumano i coglioni di usare piste ciclabili che in italia non esistono? In un periodo così economicamente instabile la gente usa la bicicletta che aveva in cantina o se la fa nuova piuttosto di usare lo sharing con quello che costa.

      Solo due piccoli esempi per farti capire che nel 2012 dobbiamo smetterla di schierarci a destra o a sinistra visto che non esistono più dalla seconda guerra mondiale (boom economico) e tutti fanno i loro interessi.
      E sopratutto quando ognuno di noi, me compreso pensano più in modo anarchico che tutto il resto?

      Il caro Marco ha detto una cosa santa. Non costa niente e a noi ciclisti, mi fa girare il culo a elica ancor di più.

      Good luck.

      Elimina
    2. che io mi sia schierato lo dici tu: semplicemente osservo che in dieci mesi è piuttosto difficile risolvere problemi che si sono aggravati nel corso di vent'anni di trascuratezza (nota che non ho mai fatto alcun riferimento a partiti). certo, se poi basta scrivere di essere anarchici per avere la bacchetta magica...

      Elimina
    3. I problemi, se uno vuole, li risolve anche in un mese.
      Ricordalo.

      Qui la bacchetta magica non ce l'ha nessuno. Ne io ne tu. Forse la possono avere i nostri politici visto che hanno loro il potere decisionale su di noi.

      Siamo tutti anarchici sai perché? Perché a problema nessuno si sbatte, pensiamo tutti al nostro benessere senza picchiare i pugni se qualcosa non va. L'italiano medio si incazza solo se gli tocchi la famiglia o le tasche. È un dato di fatto.

      E comunque non hai risposto alle mie domande, indice di errore anche da parte della fantomatica giunta Pisapia che doveva risolvere tanti problemi ma che, a distanza di un anno, non si è ancora visto niente… Anzi…

      Elimina
  8. Concordo ormai da molti anni sulla totale inconsistenza delle vecchie ripartizioni politiche tra destra e sinistra, concordo anche sulla totale inutilità dei nostri padroni politici, e sulla totale mancanza di rappresentanza parlamentare.. rappresentanza e rappresentatività.

    L'idea, almeno a livello locale (la politica nazionale ormai la considero una causa persa ed una cosa sporca), sarebbe però di migliorare le condizioni di vita delle persone. Quindi c'entra poco l'area politica cui appartiene una maggioranza, i vari interessi e giochi di potere di una giunta...

    RispondiElimina
  9. la discussione si fa interesssante, ma voglio dire la mie restando strettamente sul tema della mobilità (la politica non mi interessa e non ho le capacità di valutarla/giudicarla).
    A me le ciclabili non piacciono. Qui da noi non sono pensate e spesso sono delle trappole senza senso, basta girare come fate voi (simo, marco, laura, jacopo) solo per due volte e rendersi conto che sono il modo più facile per nel migliorde dei casi rallentare di brutto il tragitto, molto spesso di rischieare anche di farsi male.
    Io voglio avere la stessa dignità e rispetto nello stare in strada come lo ha qualunque mezzo sia essio un auto o un motorino... perchè non fanno le piste per gli scooter a sto punto? solo perchè son più veloci? sicuri di questo?
    qui a torino c'è solo una pista cicliabile che mi piace, perchè è una vera e propria strada riservata alle bici, ben pavimentata (asfalto non cazzate cme tavelloni o roba verniciata che appena piove vai per terra), senza accessi laterali ed illuminata, in 4 km mi porta fuori dalla città e mi fa sentire sicuro.... solo che occupa spazio e per le nostre città è ormai impensabile inserirle... quindi ribadisco, rispetto per chi è in bici sulle strade, attenzione a noi che farci male è fin troppo facile. Consiglio che vi do (e che faccio sempre) voltatevi e cercate di guardare in faccia chi guida... sembra incredibile, ma gli facciamo quasi paura (e qualche idea sul perchè ce le ho anche....)

    RispondiElimina
  10. Caro Ric, sono da 30 che pedalo, in mezzo al traffico e non.
    Sono degli unici pochi pirla che pedala anche quando diluvia o nevica.
    Perché mi diverte, perché mi piace. Perché la bici fa parte di me, fa parte del mio essere e del mio vivere.

    Quindi faccio paura anche per quello.

    Come non condividere queste parole?

    P.s. Ohh, arrivate adesso le ruote…

    Tra poco ci si vede! ;-)

    Rock!

    RispondiElimina
  11. Le ciclabili milanesi sono pessime, non voglio dire per volontà politica o per beffa a danno dei ciclisti!, bensì perché le hanno installate tardi e quindi hanno dovuto ritagliarne lo spazio in modo del tutto raffazzonato, abborracciato, un po' alla buona. Qua e là, come devi fare se non vuoi rifare tutta la sede stradale: magari riduci un po' il marciapiede, magari ritocchi un bordo, ti arrangi come puoi...
    Le ciclabili andavano costruite tanti anni fa, come in altri Paesi. E dire che le settimane senza auto, negli anni Settanta, le avevamo ben conosciute anche noi! Volerle realizzare oggi è un problema evidente, ruba parcheggi, crea problemi... Parlo ovviamente per chi deve materialmente progettarle, è ovvio che personalmente me ne freghi di un metro in meno per le automobili.

    Purtuttavia, se appena è possibile, io le seguo. Perché condivido quel che dice Riccardo sulla pari dignità del ciclista e dell'automobilista o del motociclista: è sacrosanto, ed è anche tutelato dalla legge, ad eccezione delle autostrade o delle strade a scorrimento veloce, dove sia proibito l'accesso alle bici.
    Condivido tutto, ma le auto ti ammazzano rischiando solo un'ammaccatura, quindi se posso percorrere 45 metri senza rischio, io ne approfitto! Pazienza se rallenta, pazienza se le radici hanno sollevato la superficie della ciclabile, pazienza tutto. Pazienza se la ciclabile è un campo minato come in Viale Gadio - castello Sforzesco. Almeno non mi mettono sotto.
    Voglio dire che un conto è il diritto e la pari dignità, cosa in cui credo, un altro è la realtà dei fatti. E la realtà dei fatti è che meno calandre di SUV ho alle spalle, più il mio karma aleggia nel Nirvana, indisturbato.

    Buona serata a tutti, adoro questo blog, non parliamo poi dell'autrice!

    RispondiElimina